Formazione Volontari

Ci interroghiamo anche sul ruolo e il senso attribuito oggi alla solidarietà ed al volontriato.

Impegniamo, in differenti mansioni, circa trecento volontari. Giungono da noi, normalmente, per un naturale “passaparola”, vengono selezionati attraverso uno o più colloqui con il presidente e l’osservazione degli Operatori. Proponiamo loro momenti formativi annuali, sia di carattere generale che mirati al settore dove prestano servizio.

 

Il loro impiego è per noi fondamentale, non tanto per i servizi materialmente prestati (pur preziosi), ma perché permettono con la loro amicizia e presenza un’occasione di relazione importantissima per il lavoro con i nostri Ospiti.
Le persone che arrivano a vivere in strada tendono a isolarsi e hanno estremo bisogno di riconoscimento e relazioni.

Questa presenza “amicale” è complementare a quella degli Operatori, che hanno compiti educativi e responsabilità specifiche proprie del loro ruolo. Abbiamo cercato, così, di proporre occasioni che sviluppino l’idea di una partecipazione civile e creativa, volta a sensibilizzare la comunità a stare vicino alle persone in condizione di emarginazione urbana grave.

 

Ci interroghiamo anche sul ruolo e il senso attribuito oggi alla solidarietà e al volontariato. Cerchiamo di contrastare ogni idea riduttiva e strumentale di quest’ultimo, (come avviene quando si pensa che il volontariato debba sostituire il lavoro degli Operatori Sociali in tempi di scarsità di risorse, o quando si valuta l’operato dei volontari in termini puramente economici per apportarla come forma di cofinanziamento nei bandi pubblici o privati).

CENTRO DI ASCOLTO

Piazza San Marcellino, 1 - 16124 Genova
T. +39.010.2465400
Aperto lun-mar e gio-ven, dalle 9 alle 12