Associazione San Marcellino Onlus

L’Associazione San Marcellino viene costituita nel 1988 – su iniziativa di Padre Alberto Remondini e di padre Nicola Gay della Compagnia di Gesù e di alcuni amici che con impegno e costanza proseguivano l’opera avviata da Padre Carena e Padre Lampedosa – allo scopo di meglio inquadrare e gestire le attività svolte attorno S. Marcellino.

Oggi l’Associazione è una ONLUS (organizzazione senza fini di lucro) ed ha sede a Genova in via al Ponte Calvi 2 ed è iscritta all’albo delle Organizzazioni di Volontariato presso la Regione Liguria al n° ss-ge-asoc-6-1993.

Finalità

(dallo Statuto approvato il 10.11.02)

“…L’associazione ha lo scopo di promuovere a livello individuale, sociale e spirituale, la dignità umana delle persone che, per ragioni diverse, si trovano nelle situazioni più difficili – quali senza dimora, soli, senza riferimenti di aiuto, privi dei più elementari mezzi di sussistenza – e aiutarle a rientrare e a partecipare a pieno diritto e con possibilità di espressione al contesto sociale in cui vivono.
Per raggiungere questi obiettivi i soci debbono farsi carico delle diverse forme di intervento dell’associazione curando anche un’adeguata formazione professionale e una sensibilizzazione a vasto raggio anche mediante ricerche, studi e dibattiti sui problemi e le cause del disagio sofferto da queste persone…

L’associazione non ha finalità politiche ma intende stimolare gli enti pubblici e privati interessati affinché operino scelte non emarginanti anche indicando eventualmente agli stessi soluzioni concrete e opzioni alternative…”

Organi

Gli Organi dell’associazione sono:
L’assemblea dei soci composta da tutti i soci delibera gli indirizzi generali dell’attività dell’associazione.

Il consiglio direttivo, composto da cinque a nove membri eletti dall’assemblea, amministra l’associazione secondo lo spirito e la lettera dello statuto e secondo le direttive stabilite dall’assemblea . Dura in carica 5 anni e nomina al suo interno un Presidente ed un Vice presidente.

Il collegio dei probiviri, composto da tre membri, risolve le controversie che dovessero insorgere tra l’assemblea o il consiglio direttivo ed i soci, ovvero tra i soci stessi.

Il collegio dei revisori dei conti si compone di tre membri effettivi e due supplenti.